Macron e le due Europe

Messaggiodi skyid_1288274 mercoledì 10 maggio 2017, 23:17

La Francia con Macron ha fatto una scelta decisa verso l’Europa, certo, ma non solo, anche verso un modo di intenderla e verso un modo di arrivarci. Premetto che sono convinto che non si può tornare indietro dalla scelta europea, che non lo vuole nessuno, neanche i più critici della attuale Europa, come Orbàn che nel suo recente autorevole intervento a Bruxell lo ha chiaramente detto e ripetuto ai sordi, prevenuti e ostili ascoltatori dell’assemblea. Solo i leader come Le Pen e Salvini affermano il contrario, non so con quanta lucidità e convinzione; comunque nessuno gli andrà dietro per quella strada, rimarranno insignificanti e saranno la causa del fallimento di una politica europea alternativa e del successo della sinistra. L’assetto globale del mondo richiede interlocutori sempre più solidi, mentre la condizione di piccola nazione mi sembra sfavorevole e costosa. Un’Europa divisa è geopoliticamente fragile, un vuoto che inevitabilmente attira contenuti esterni, in termini economici, demografici e perfino militari.
La Gran Bretagna è stata costretta ad andarsene, ma non è disinteressata all’Europa, al contrario è sempre attenta alle sue dinamiche, cui non si sottrae. Sono stati i primi a interpretare i bisogni dei popoli di frontiera come gli estoni, mandando truppe britanniche a fronteggiare i russi. La brexit è una scelta sofferta, dovuta al modello di Europa che la classe attualmente al potere a Bruxell va proponendo, quella che piace a loro, come unica scelta possibile, prendere o lasciare. 
Quanti e quali sono invece i modelli possibili di Europa? Essenzialmente due direi, Europa delle persone ed Europa dei popoli. Da sempre la GB propone la seconda, l’unica cui possa aderire senza rinnegare e abbandonare la sua anglo sfera, con cui ha i suoi legami di sangue, di popolo appunto. Questo modello prevede una federazione tra i popoli europei, nazioni o regioni che siano, purché omogenee in senso etnico, culturale e storico. Una scelta che rispetta la storia europea e la porta a compimento. 
Invece l’Europa che piace ai burocrati europei ed alla sinistra è quella delle persone: “La Svezia non è degli svedesi, ma di chi ci abita”, come cinicamente e stoltamente affermava il leader socialdemocratico svedese. Scelta rivoluzionaria di derivazione illuminista giacobina, che intende distruggere tradizione e storia per costituire una entità artificiale nuova e imprevedibile. 
Sono i soliti corni tra i quali le genti europee, e non solo, si sono trovate a scegliere: democrazia rivoluzionaria francese, che fa piazza pulita di istituzioni e tradizioni, o invece democrazia inglese nata da una lenta evoluzione millenaria, che nulla ha distrutto della storia del suo paese, neanche la monarchia. Dalla prima sono scaturiti infiniti mostri (dalla rivoluzione sovietica a Pol Pot), dalla seconda la democrazia della federazione americana, viva e vegeta, capace di integrare anche popoli eterogenei. Vorrei ricordare una terza originale via, quella della ammirevole federazione svizzera. 
Purtroppo la classe al potere a Bruxell e in molti paesi e la stampa che li sostiene, il main stream insomma, vede o finge di vedere una sola soluzione, quella rivoluzionaria, l’Europa dei cittadini, tutti uguali, anche se invece uguali non sono. E’ una scelta ideologica, di parte, che si cerca di imporre con prepotenza a tutti i popoli e a tutti i cittadini europei, senza consultarli minimamente. Mai che gli venga in mente di indire un referendum su quale Europa si preferisca, troppo democratico sarebbe! Si vuole impedire assolutamente una scelta consapevole e serena degli europei su cosa vogliono costruire e questa si chiama dittatura. C’è solo il prepotente  e antidemocratico ‘prendere o lasciare’ della burocrazia di Bruxell e della sinistra che la spalleggia. Questa l’impasse che ha provocato la brexit e l’arroccamento dei paesi orientali col patto di Visegrad e sta portando alla distruzione del progetto europeo.
La Francia ha scelto ovviamente il modello rivoluzionario francese, l’Europa dei cittadini, anche se questi ancora non esistono, nel senso di cittadini affini, che si riconoscono in valori comuni e nella nuova istituzione. E ha scelto anche la strada da seguire: la fusione con la Germania. E’ l’unico modo per tentare di fare un’Europa delle persone, partire dai due popoli rivali. Mi auguro che col tempo la cosa funzioni, sinceramente. E gli altri? Non fanno parte di questo esperimento. Staranno a guardare e poi? L’unica che sa cosa vuole è l’Italia della sinistra: farsi assorbire dalla nuova potenza franco-tedesca, a qualunque titolo, purché ci mantenga, cosa che la sinistra non sa altrimenti fare. “Franza o Spagna, basta che se magna!”
skyid_1288274
Simpatizzante
Messaggi: 95
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2016, 19:36
Aggiungi voto reputazione

Re: Macron e le due Europe

Messaggiodi skyid_1288274 venerdì 12 maggio 2017, 0:13

Non ce ne accorgiamo perché i media complici lo nascondono, ma è in atto un golpe della classe dirigente di Bruxell, con l’appoggio dei governi che la fiancheggiano, a danno del resto dell’Europa, a cominciare dal Regno Unito, contro il quale si sta preparando una feroce vendetta, che serva di esempio agli altri e annichilisca l’unico germe di opposizione in questo regime, che non vuole essere democratico. I sostenitori di un’Europa giacobina stanno vincendo lo scontro contro i sostenitori di un’Europa dei popoli e della tradizione e lo fanno anche aprendo le porte ad una folle invasione di genti, che servirà proprio ad annichilire i popoli tradizionali e le loro culture. Questo è il criminale progetto di questa gente, insieme ad altri soggetti che li affiancano, come le mitiche Ong ed altre organizzazioni private che vogliono sostituirsi alle vecchie istituzioni. Oltre che contro la GB, l’aggressione riguarda anche i paesi orientali del patto di Visegrad, in particolare la Polonia e l’Ungheria. Hanno la faccia tosta di accusarli di non rispettare le regole democratiche, loro che non tollerano che vi sia chi ha una visione dell’Europa diversa dalla loro, anche se legittima. Ho avuto la fortuna di ascoltare in diretta il discorso di Orbàn a Bruxell e vi assicuro che ha dato prova di saggezza politica, a differenza della cricca che a cercato di impedire il suo intervento. Niente di quanto sta avvenendo traspare dai media servili nostrani e così non possiamo far niente per impedire questo disastro di cui si leggerà poi, troppo tardi, nei libri di storia.
skyid_1288274
Simpatizzante
Messaggi: 95
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2016, 19:36
Aggiungi voto reputazione


Torna a Politica Internazionale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Powered by phpBB © phpBB Group
Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Inserisci l'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato

Recupera il tuo Sky iD
Ti informiamo che a breve riceverai via mail il tuo username
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Recupera password
Username non trovato in archivio.
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...