Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi timshel martedì 15 novembre 2016, 3:35

P.S., ma era importante.

La legge sul Partial birth abortion è una legge a parte, non c'entra niente con la Roe vs Wade. Forse Trump non lo sa (la sacra ignoranza che piace tanto), ma se mi informo io, potrebbe farlo anche lui prima di parlare. Il Partial-Birth Abortion Ban Act è del 2003, la Roe vs Wade è del 1973. Non a caso, gli anni delle leggi sui diritti civili....
I medici che dovessero farlo andrebbero in galera. Ma, come sempre, la scienza va oltre, e chi lo vuole fare (ripeto, per proteggere la donna), usa un altro metodo.

Non fraintendermi, sono scelte estreme e dolorose e di certo controverse. Per la cronaca, io non sono una che fa il tifo per l'aborto, sarebbe idiota. Faccio il tifo per una legge che mi permetterebbe di abortire se avessi 13 anni e fossi stata molto stupida e ignorante come il mio fidanzato, se non potessi proprio avere un figlio per motivi seri, se fossi stata vittima di violenza (vietare l'aborto in quel caso è quello sì, disumano), se sapessi che ha gravi deformazioni che lasciano poco tempo di vita che renderebbero infelici tutti, a partire dal bambino, se dopo il quinto figlio mio marito si fosse rifiutato di usare il preservativo perché non è lecito secondo il papa.

Ciao di nuovo.

_______________________________________________________________________________________________

Quindicesimo, pardon, volevo scrivere quindicesimo e non quinto.
Although it is not true that all conservatives are stupid people, it is true that most stupid people are conservative. John Stuart Mill
timshel
Affezionato
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 1.329
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 3:39
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi aangeloo martedì 15 novembre 2016, 12:02

george2012 ha scritto:[color=#0000FF]Certo, caro Angelo, puoi continuare ad eludere l’argomento di questo topic e le mie preoccupazioni-osservazioni, (che stanno emergendo di là dell’oceano) , da te ora ripresi, e che avevo anticipati tre mesi or sono!..

I tanti colleghi forumisti che qui stanno ad esprimere le loro varie opinioni sul “ciclone” Trump, mica stanno facendo delle critiche in casa d’altri, ci si avvale della libertà di criticare o di condividere, dateci dalla rete, mentre tu, cerchi di spostare l’attenzione, dirottando l’argomento sul Vaticano, che, nella fattispecie, c’entra come i “cavoli a merenda”, ma ne denotano il tuo esagitato livore antireligioso e antivaticano!




Siamo in tema invece : se il mondo non è in pericolo con 2 mila anni di cattolicesimo, non lo sarà certo per Trump

dici che il vaticano si gestisce da sè e poi critichi la legge elettorare USA : se vince chi ottiene + grandi elettori e non votanti, la votazione vale anche x la Clinton, quindi nessun imbroglio

le manifestazione anti Trump mi ricordano le manifestazioni anti preti pedofili, protette addirittura dal vecchio Ratzinger quando era negli Usa

l’estroso magnate possiede un impero gigantesco fatto di quasi 500 imprese e un patrimonio di circa 4 miliardi di dollari: mentre la chiesa vive nella povertà. un terzo degli immobili a Roma sono riconducibili al vaticano

il muro col Messico : lo sai che il vaticano è protetto da mura ?
che il vaticano non raccoglie immigrati, ma dice agli altri come gestirli ?
che ci sono guardia armate ?


e ti ricordo che Trump non è ancora presidente, ma la gente come te lo ha già accusato di ogni reato
pensa a tutti gli scandali del vaticano, QUELLI SONO REALI, prima di accusare qlc che non ha ancora fatto nulla


se mai stato negli USA, per darci lezioni ?
Immagine[/U
Avatar utente
aangeloo
Espulsi
Espulsi
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 4.802
Iscritto il: martedì 4 marzo 2014, 18:48
Località: Vicino a Milanello
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi kukuviza martedì 15 novembre 2016, 12:49

aangeloo ha scritto:
dici che il vaticano si gestisce da sè e poi critichi la legge elettorare USA : se vince chi ottiene + grandi elettori e non votanti, la votazione vale anche x la Clinton, quindi nessun imbroglio


Anche se non sono george rispondo a questo. Non mi pare si parli di brogli elettorali. Io dico che qua nel forum qualcuno ha scritto cose tipo:"risveglio della democrazia! Il popolo ha votato e ha votato Trump! E voi intellettuali rosiconi non volete accettare il voto del popolo perchè non vi sta bene!".
Il popolo ha votato Clinton, veramente, quindi questi discorsi sono alquanto insulsi.

Io non so se il sistema dei Grandi Elettori sia valido o meno, avrà i suoi pro e contro, comunque mi pare che quando ci sono discrepanze tra GE e voto popolare avviene quando ii candidati non sono proprio il top di gamma.
Avatar utente
kukuviza
Attivo
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 204
Iscritto il: martedì 27 gennaio 2015, 3:20
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi kukuviza martedì 15 novembre 2016, 13:06

E poi, prima, questo famigerato popolo non aveva votato Obama? E quella non era democrazia allora? Gli saran mica piovuti dal cielo i voti a Obama? O come qualcuno ha scritto qui nel forum:"Perchè, con Obama c'era forse la dittatura?"

Che poi, come anche nel caso della brexit, quando vedo maggioranze così risicate, capisco che sto popolo, per un motivo o per l'altro, non sa che cacchio fare.
Avatar utente
kukuviza
Attivo
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 204
Iscritto il: martedì 27 gennaio 2015, 3:20
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi noprice martedì 15 novembre 2016, 23:47

kukuviza ha scritto:E poi, prima, questo famigerato popolo non aveva votato Obama? E quella non era democrazia allora? Gli saran mica piovuti dal cielo i voti a Obama? O come qualcuno ha scritto qui nel forum:"Perchè, con Obama c'era forse la dittatura?"

Che poi, come anche nel caso della brexit, quando vedo maggioranze così risicate, capisco che sto popolo, per un motivo o per l'altro, non sa che cacchio fare.


Uno che vinse con brogli elettorali manifesti e riconosciuti praticamente da lui stesso fu Bush jr., guarda caso un repubblicano, che fino a qualche giorno fa consideravo il più vergognoso dei presidenti americani. Poi i fatti hanno avuto il sopravvento.
noprice
Loquace
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 966
Iscritto il: martedì 14 luglio 2009, 16:25
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi bine68 mercoledì 16 novembre 2016, 17:07

comunque... che la vittoria di Trump sia regolare non ci piove, il sistema elettorale USA può sembrare assurdo (per me lo è, ma io ragiono da italiano) ma quello è, quindi se andava bene quando vinse Obama deve necessariamente andare bene anche adesso.

Piuttosto io facevo una riflessione: a mio avviso Trump in diversi campi porterà l'America indietro di molti anni... nel welfare, nella sanità estesa il più possibile a tutti, nella diffusione capillare delle armi (in questo caso neanche lui più di tanto era riuscito a fare, la lobby specifica è troppo potente ed il mito della colt nella fondina è troppo insita nell'americano medio....), nelle tensioni sociali e razziali che già sono al limite di guardia... però, onestamente, mi verrebbe da dire: càzzi loro... se lo sono votato e se lo tengano... inoltre da un punto di vista internazionale non credo ci saranno ripercussioni negative, anzi vista l'esultanza della Duma all'elezione di Trump direi che i rapporti tra superpotenze si distenderanno, e noi, vasi di cocci in mezzo a vasi d'acciaio, nel nostro insignificante piccolo non potremo che avvantaggiarcene.... piuttosto a me preoccupa una cosa che inevitabilmente avrà ripercussioni su tutto il mondo: che uno dei paesi più energivori del mondo dichiari di voler tornare massicciamente al petrolio e addirittura al carbone, sconfessando gli impegni presi, in ultimo a Parigi poco tempo fa, direi che avrà un impatto significativo su tutto il pianeta....
UN GIORNO IN MENO ALLA STELLA
I GRANDI FANNO LA STORIA, GLI ALTRI LA STUDIANO

mi son nasciûo zeneise e no ghe mòllo
Immagine
Avatar utente
bine68
Genoani
Genoani
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 27.259
Iscritto il: giovedì 28 agosto 2008, 14:45
Località: Zena
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi timshel mercoledì 16 novembre 2016, 17:59

però, onestamente, mi verrebbe da dire: càzzi loro... se lo sono votato e se lo tengano...


Istintivamente ho pensato anch'io così, poi mi sono venuti in mente i miei amici americani progressisti, tutti quelli addolorati e pieni di vergogna, quelli che protestano, i giovani.... e per loro mi spiace, molto. Oltre che per noi perché, appunto, le sue politiche danneggeranno tutti.
Mi viene anche in mente un signore nel Massachusetts qualche anno fa che ci sentì al bar parlare in italiano e chiese letetralmente scusa per Bush, dicendo 'ci vergogniamo'. Pensa ora quel pover'uomo e tutti quelli come lui.
Mi incavolo quando leggo chi dice 'chi se ne frega, sono elezioni americane, guardiamoci in casa' e blah blah. Siamo una colonia e certuni ancora non l'hanno capito, e dire che è qualche annetto che è così. ;)
Although it is not true that all conservatives are stupid people, it is true that most stupid people are conservative. John Stuart Mill
timshel
Affezionato
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 1.329
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 3:39
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi bine68 mercoledì 16 novembre 2016, 18:03

timshel ha scritto:
però, onestamente, mi verrebbe da dire: càzzi loro... se lo sono votato e se lo tengano...


Istintivamente ho pensato anch'io così, poi mi sono venuti in mente i miei amici americani progressisti, tutti quelli addolorati e pieni di vergogna, quelli che protestano, i giovani.... e per loro mi spiace, molto. Oltre che per noi perché, appunto, le sue politiche danneggeranno tutti.


si Fede... ho scritto "mi verrebbe da dire" perché in realtà non lo penso... questo anche indipendentemente dall'influenza diretta che avrà su di noi
UN GIORNO IN MENO ALLA STELLA
I GRANDI FANNO LA STORIA, GLI ALTRI LA STUDIANO

mi son nasciûo zeneise e no ghe mòllo
Immagine
Avatar utente
bine68
Genoani
Genoani
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 27.259
Iscritto il: giovedì 28 agosto 2008, 14:45
Località: Zena
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi noprice mercoledì 16 novembre 2016, 19:57

ma oltre a ciò che è una perdita per noi "etica" credo che avremo anche molti altri problemi concreti. Il debito USA crescerà in modo esponenziale e questo è un male per tutti. Credo che una fornero a stelle e strisce sia già in campo per il prossimo quadriennio . Anche se i cittadini USA sono abituati ai sacrifici economici (in pratica vivono di credito da sempre ) non so se avranno la forza di sorreggre le fortune dei ricchi detassati. Ma questo per noi potrebbe non essere un problema; peccato che in clima di recessione (il popolo sarà sempre meno consumatore con le conseguenze di mancato traino all'economia) ci saranno bei problemi sui mercati finanziari (ie impoverimento del mondo occidentale) .

E anche un disimpegno dalla Nato e altro in campo militare credo proprio che verrà a discapito dell'Europa.
noprice
Loquace
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 966
Iscritto il: martedì 14 luglio 2009, 16:25
Aggiungi voto reputazione

Re: Con Trump Presidente il mondo sarà in pericolo!

Messaggiodi george2012 giovedì 17 novembre 2016, 0:02

noprice ha scritto:ma oltre a ciò che è una perdita per noi "etica" credo che avremo anche molti altri problemi concreti. Il debito USA crescerà in modo esponenziale e questo è un male per tutti. Credo che una fornero a stelle e strisce sia già in campo per il prossimo quadriennio . Anche se i cittadini USA sono abituati ai sacrifici economici (in pratica vivono di credito da sempre ) non so se avranno la forza di sorreggre le fortune dei ricchi detassati. Ma questo per noi potrebbe non essere un problema; peccato che in clima di recessione (il popolo sarà sempre meno consumatore con le conseguenze di mancato traino all'economia) ci saranno bei problemi sui mercati finanziari (ie impoverimento del mondo occidentale) .

E anche un disimpegno dalla Nato e altro in campo militare credo proprio che verrà a discapito dell'Europa.
(vedo Putin che si frega le mani, diversamente se avesse vinto Hillary!)

Concordo la tua analisi, che ritengo molto pertinente..

Intanto posto un articolo, forse, per qualcuno, opinabile, sul perchè i democratici hanno perso:

Da “La Stampa” – 14 novembre 2016
Cari democratici, è l’arroganza che vi ha fatto perdere

Adesso per i liberal l’esilio rischia di essere lungo Ma forse per loro non sarà una cosa negativa
(Stephen L. Carter, 62 anni, è professore di diritto a Yale, editorialista e romanziere. In Italia è pubblicato da Mondadori)
STEPHEN L. CARTER

Siamo franchi. Dopo l’esplosione elettorale di questa settimana, per il liberalismo si preparano anni nel deserto. Non è solo che il presidente eletto è Donald Trump. È che un partito democratico, che non più tardi di lunedì pensava di aver forgiato una coalizione elettorale sufficientemente solida da durare per decenni, ora si trova nel caos.

Nel 2018 il partito dovrà difendere un numero stupefacente di seggi, 25 nel caucus per il Senato, molti dei quali in Stati conquistati da Trump. «Sarà un disastro», ha detto uno stratega democratico - e questo ancora quando la gente pensava che Hillary Clinton fosse la favorita. I repubblicani controllano una cifra record di 69 organi legislativi statali su 99 e avranno almeno 33 governatorati, il numero più alto dal 1922. In breve, l’esilio dei democratici rischia di essere lungo.

Forse non è una cosa negativa - non se si usa in modo corretto questo periodo di esilio dal potere. Sì, la campagna elettorale di Trump è stata spesso sgradevole. Sì, io sono tra quelli preoccupati per la sua imprevedibilità. Ma la sinistra ha del lavoro da fare, non solo sulla politica e sull’organizzazione, ma anche sull’atteggiamento. Troppi anche tra i miei amici progressisti sembrano aver dimenticato come argomentare in modo puntuale, e sono invece diventati esperti di condanna, derisione e scherno. Punto dopo punto sono molto bravi a spiegare il motivo per cui nessuno potrebbe mai avversare le loro posizioni politiche se non per i più vili dei motivi. E quelle stesse posizioni troppo spesso sono enunciate con zelante solennità, quasi suggerendo che i loro punti di vista sono la Sacra Scrittura - e chi dissente dev’essere confinato nelle tenebre, politicamente parlando. In breve, la sinistra è stata ultimamente ricolma di arroganza, e la hybris nella letteratura classica preannuncia sempre una caduta.

I miei amici di sinistra hanno via via preso ad assomigliare un po’ troppo ai miei amici di destra, e anche il partito repubblicano di tanto in tanto ha ricevuto ben meritati calci nel sedere. Ma è il liberalismo che si è pensato a torto vincente, mentre i conservatori si sono ritrovati lottando per un’identità.
Perché dico che l’esilio nel deserto farà bene ai democratici? Clinton in effetti non ha perso molto, e probabilmente ha vinto il voto popolare. Eppure la diga blu è stata travolta. I democratici dovrebbero interrogarsi seriamente sul perché.

Suggerisco spesso ai miei studenti che il liberalismo nella sua esemplificazione politica, con tutto il suo fascino, è una teoria così potente che probabilmente funziona meglio all’opposizione che al governo. Il liberalismo moderno è diventato ciò che i filosofi liberal ancora poco tempo fa avrebbero deriso come una «visione globale» - una teoria che crede di poter rendere conto di come dovrebbe operare ogni istituzione della società, e persino, ahimè, di come dovrebbero pensarla le singole persone.

Quello che mi auguro che i democratici possano imparare da questa sconfitta non è che il popolo americano è irrimediabilmente razzista, o che, come ho sentito qualcuno dire, tutto quello che si deve fare è aspettare qualche anno finché non moriranno milioni di cittadini anziani che votano repubblicano. Spero che non passino molto tempo borbottando sugli Stati Uniti che dovrebbero essere classificati come Stato fallito o sul sistema da cambiare perché gli elettori sono troppo stupidi per dare loro fiducia. Mi auguro che non incolpino il loro candidato, perché troppo centrista, spostandosi ancora più a sinistra.

Quello che mi auguro invece è che i liberal di oggi riscoprano le virtù del liberalismo vincente dagli Anni Cinquanta agli Anni Settanta che i democratici sembrano voler emulare. Queste virtù includevano tolleranza per il dissenso, uno sforzo per evitare di ridurre problemi seri a ricerche dell’applauso facile e fondamentalmente un atteggiamento di umiltà nel governare. Questo non significa che i liberal vecchio stile non credessero, sinceramente, di avere ragione. Ma accettavano che la loro nazione fosse un luogo diverso, che gli avversari avessero il diritto di dire la loro, che il governo non dovesse cercare di fare tutto in una volta, e che la politica dovesse perseguire la linea di un lavoro condiviso.
La lezione per i liberal è che devono di nuovo fare sul serio. L’impronta che contraddistingue una democrazia sana è la preferenza per gli argomenti piuttosto che per le invettive. Queste sono le radici che la sinistra deve ritrovare. È vero, viviamo in un’epoca in cui un dibattito serio non è molto apprezzato. Forse un partito democratico lontano dal potere per qualche anno riuscirà a trovare la via del ritorno, ricordando a tutti noi come si fa.
- - -
Non c’erano dubbi che hanno perso per la loro cervellotica, pretesa superiorità morale (per certi versi quasi come certi “democratici” in Italia..) e, quindi, come recita il titolo, per l’arroganza del potere, di cui con molte probabilità, la stessa Hillary ne incarnava egregiamente lo stile vanaglorioso, in un mix di alterigia e di smodata saccenteria, che è stata mal digerita, specie dalla parte giovanile e, per molti versi operaia, dell’elettorato americano.

Vi sono strati del popolo americano che è lontano mille miglia dalle frivolezze e privilegi e lussi dei ricconi, (ma questo vale, ovviamente, anche per l’ultra ricca e destrorsa “carovana” ora al potere), ben acquartierati nei piani alti della politica “liberal”, e sono stati questi “dimenticati” che hanno abbandonato il partito di Obama, perché in questi anni non hanno per nulla visto migliorato il loro angusto tenore di vita, e così son passati dall’altra parte, ammaliati dal ruspante miliardario re dei casinò, non considerando però quel che di imprevedibile ora può capitare..

Comunque ben gli sta a questi democratici, così avranno modo di riflettere più approfonditamente su come riuscire a rimodulare la loro proposta civica elettorale che possa tendere a dare concrete soluzioni ad un mondo che non ne può più di chiacchere surreali, bisognoso di ritornare protagonista, ma più vicini al popolo, alle loro istanze, ed al contempo cercare leaders e programmi più presentabili così almeno poter fare meno danni per il futuro…

Buonanotte..
george2012
Habitué
 
Anni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizioneAnni di iscrizione
Messaggi: 1.772
Iscritto il: giovedì 14 giugno 2012, 18:17
Aggiungi voto reputazione

PrecedenteProssimo

Torna a Politica Internazionale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Powered by phpBB © phpBB Group
Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Inserisci l'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato

Recupera il tuo Sky iD
Ti informiamo che a breve riceverai via mail il tuo username
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Recupera password
Username non trovato in archivio.
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...